Archivi della categoria: news

a cura della pastorale giovanile

Grest2020 – terza puntata

Continuano le puntate delle belle notizie da condividere e torniamo nella Parrocchia della Pieve di Sinalunga. Cambiano le facce, le magliette gialle con sorriso in primo piano sembrano non cambiare mai, ma quello che resta indelebile è la gioia e la parola che osiamo aggiungere oggi alla fine della seconda settimana di GREST….IAMOINSIEME2020 è “dolcezza”.
Guardiamo queste foto dal punto di vista dei bambini, di coloro che sono animati e ci rendiamo ben conto che hanno ritrovato in pochi attimi quello che in 3 mesi avevano dovuto mettere da parte ed è l’aria aperta, lo stare insieme e il sentirsi presi in considerazione. In una parola: il sentirsi amati. Il tutto formato felicità. Poi guardiamo le foto dal punto di vista degli animatori, gli stessi animatori della settimana scorsa che ancora non si sono stancati di amare e che sanno che il formato felicità funziona se ti metti al livello dei piccoli, se giochi con loro, se li aiuti a rialzarsi quando un gioco finisce male e perdi, se li fai ballare, se li aiuti a pregare, se stai con loro anche quando non serve o forse serve sempre perchè nella misura in cui ti fai piccolo allora tutto serve, quando capisci che la logica di Dio è mettere al centro un bambino allora tutto serve, quando non ti sforzi di sorridere ma il sorriso ti parte dal cuore allora tutto serve…sì, è la vita che è così, come diceva don Bosco quando parlando di educazione diceva che è “cosa del cuore” e quando il cuore parla ti lasci andare anche a sorrisi un po’ imbecilli che però non hanno nulla da togliere ai piccoli ma ti fanno sentire più vero salendo un gradino in più non per farti grande ma per essere grande nel regno dei cieli dove vincono i piccoli.
Cari bambini e cari ragazzi grazie perchè questa settimana avete insegnato ai vostri animatori ad essere felici e a noi a godere della dolcezza che, come in un gelato, va gustata pian piano ma attenti a non perderne neppure una goccia.
E’ proprio vero – come è scritto nel salmo 129 – “Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme!”. Grazie Parrocchia S. Pietro ad Mensulas e a tutti gli animatori in ordine sparso Andrea Caroni, Federico Nassi, Silvia Mancini, Giulia MarignaniAlberto Tanganelli, Matteo Attombri, Giulia Di Goro, Gianmarco Castellano, Alessio Massai, Martina Marignani, Marco Delfino, Aurora Affinita, Fabiana Sabatino, a tutti quelli che c’erano ma noi non ne sappiamo i nomi, a tutti i bambini e ragazzi, al gelataio che vi ha fatto un regalo immenso e a don Claudio Porelli che si sporca le mani e dilata il cuore per accogliere tutti!
Avanti così. Il Signore continui a far brillare i vostri volti per un’altra settimana e per un’altra ancora in attesa che anche i giovani di Gracciano GRE.GRA, partano lunedì per le loro due settimane di centro estivo #lontanimavicini
#sempreconTe #estate2020 #pastoralegiovanilediocesana #animatori #apertoperferie #parrocchia #grest

 

a cura della pastorale giovanile

Grest2020 – prima puntata

Ci sono tante realtà di giovani in Diocesi, giovani belli che fanno tanto bene senza fare rumore, ne fanno talmente poco che a volte sembra che non ci siano…eppure come tante formichine laboriose osano sfidare anche i protocolli impossibili della sicurezza accettando tutto pur di essere testimonianza e dono e impegnandosi più del solito per darsi da fare per gli altri. Quest’anno per i nostri Centri Estivi è stato tutto davvero più difficile e senz’altro complicato tanto da “farti scappare la voglia” come si dice spesso. Eppure due parrocchie hanno osato, hanno provato e sono partite… una è la Pieve di Sinalunga con il parroco don Claudio Porelli e l’altra è il Gruppo Giovani di Gracciano, che con l’aiuto di sr Fabiana Benedettini, instancabili fino all’ultimo ostacolo, hanno vinto anche il Bando del Comune di Montepulciano che li ha inseriti tra le iniziative estive per ragazzi.
Magari per tanti è poco ma per loro è stata una sfida che li ha visti lottare, abbattersi, rialzarsi, confrontarsi, sbagliare uscendo prima con il volantinaggio quando ancora non si poteva farlo, presi dal classico impeto dei giovani, hanno volato per la prima volta da soli fieri di aver imparato qualcosa dal vecchio parroco don Bala che ha cresciuto dei giovani veramente in gamba.
Quindi nei nomi di Oliwia Pyda, Diego Caselli, sr Fabiana Benedettini per Gracciano e Don Claudio Porelli per i giovani della Pieve di Sinalunga ringraziamo tutti.
Grazie Giovani della Pieve, grazie Gruppo Giovani di Gracciano e grazie a tutti i giovani che con il sorriso e il dono di sé fate della vostra vita un dono, un meraviglioso mistero da contemplare. Grazie da parte di tutta la Pastorale Giovanile

#estate2020 #pastoralegiovanilediocesana #animatori #apertoperferie #parrocchia #grest

a cura della pastorale giovanile

Grest2020 – seconda puntata

E’ giusto condividere cose belle e bello è il sorriso che brilla sui volti dei giovani. Non è che brilla per un esame andato bene o per aver passato la maturità, anche per quello, ma quello che vediamo oggi è un sacco più bello perchè ha le radici nel cuore, un cuore che per una settimana si è sdato per far felici gli altri. Ecco il segreto della bellezza: nascere, crescere, vivere imparando a fare della vita un dono.
Questo è successo in questi giorni nella Parrocchia S. Pietro ad Mensulas dove baldi giovanotti e tenere signorine si sono dati un gran daffare nella prima settimana di “Grest…iamo insieme 2020”.
Guardateli questi occhi, guardate quelli degli animatori e quelli dei ragazzi, guardate la gioia dello stare insieme pur mantenendo quella distanza necessaria voluta per la sicurezza, guardate le loro espressioni vive dopo mesi davanti al computer, guardate, guardate bene perché è così che i giovani vogliono vivere, è così che la vita è spesa bene, è così, servendo che si impara a servire, amando che si impara ad amare, camminando che si impara a camminare, donando che si impara a donare anche giocando!
E per carpire il segreto di tutto questo rubiamo l’hashtag degli animatori della Pieve che spicca sulle loro magliette: #sempreconTe
Grazie ragazzi! buona continuazione di questo GREST e che il Signore vi benedica nel vostro sacrificio sorridente che nella stanchezza mantiene alto i cuori.
Nei nomi di Andrea Caroni, Federico Nassi, Silvia Mancini , Giulia Marignani, Alessio Massai, Martina Marignani, Marco Delfino, Giulia Meocci, Giulia Di Goro, Sara Marchi, Gianmarco Castellano e don Claudio Porelli ringraziamo veramente tutti coloro che hanno messo qualcosa perchè tutto andasse al meglio!

Dal Policoro

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO PER L’ANNO 2021

Nell’ambito del Progetto Policoro della Conferenza Episcopale Italiana, Inecoop, in collaborazione con la Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza, ha istituito delle borse di studio per l’anno 2021, ciascuna del valore di € 3.120,00, per la formazione di Animatori di Comunità, individuati dalle Diocesi che aderiscono al Progetto.
Il Progetto Policoro è un progetto organico della Chiesa italiana che tenta di dare una risposta concreta al problema della disoccupazione in Italia. Policoro, città in Provincia di Matera, è il luogo dove si svolse il primo incontro il 14 dicembre del 1995.
Attraverso il Progetto, si vuole affrontare il problema della disoccupazione giovanile, attivando iniziative di formazione a una nuova cultura del lavoro, promuovendo e sostenendo l’imprenditorialità giovanile in un’ottica di sussidiarietà, solidarietà e legalità.

MONTEPULCIANO_1_Bando Borse di Studio Progetto Policoro 2021 (2)

2_All.1 Domanda di partecipazione Bando 2021 (1)

a cura della pastorale giovanile

Progetto estate 2020

In data 25 maggio, il Vescovo Stefano, insieme all’equipe di Pastorale giovanile diocesana, ha steso un progetto estate per animatori  sulla base delle Linee Guida Centri Estivi_1841 uscite il 15 maggio 2020 a cura del Dipartimento per le politiche della famiglia, con l’obiettivo di individuare orientamenti e proposte per realizzare, nella attuale fase 2 dell’emergenza COVID-19, opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti.
Il Progetto allegato nel presente articolo aveva lo scopo di iniziare a pensare l’estate per aiutare le famiglie nonostante l’impossibilità di fare campi scuola o organizzare centri estivi come solitamente si faceva.
Nel frattempo, il Governo con Decreto ministeriale firmato in data 11 giugno 2020 approvava le nuove le Regioni hanno approvato le nuove Linee guida per la riapertura delle attività economiche produttive e ricreative

Le nuove Linee Guida sono state razionalizzate e integrate nelle seguenti sezioni:

Ristorazione”, dove è stato inserito un paragrafo dedicato alle “cerimonie”;
Attività ricettive” (che oltre alle indicazioni generali prevede regole specifiche per: strutture turistico-ricettive all’aria aperta; rifugi alpini ed escursionistici; ostelli della gioventù; locazioni brevi);
Servizi per l’infanzia e l’adolescenza” (con un paragrafo dedicato ai “Campi estivi”);
Aree giochi per bambini”;
Cinema e spettacoli dal vivo“.

Infine, sono state aggiornate alcune schede per quanto guarda le prescrizioni per favorire il ricambio d’aria.

In allegato è possibile scaricare i documenti in oggetto

DPCM_20200611

DOC.CR.P.01)Linee guida per la riapertura delle attività economiche produttive e ricreative

Segnaliamo inoltre il sito del Servizio Nazionale di Pastorale Giovanile che con assiduità integra e coordina le diverse proposte che le varie associazioni nazionali propongono per la realizzazione dei centri estivi in sicurezza: https://giovani.chiesacattolica.it/

Giochi speciali per l’estate

Online il sito Aperto per ferie

Giochi sportivi targati CSI

INFORMAZIONI UTILI PER LA PARTECIPAZIONE RESPONSABILE DEI FEDELI ALLA MESSA.

  1. Considerando che si entra in chiesa uno alla volta è bene presentarsi all’ingresso un po’ in anticipo rispetto all’orario in cui inizia la Messa.

 

  1. Partendo da casa ricordarsi di prendere la mascherina, indispensabile per entrare in chiesa o per partecipare alla Messa all’aperto.

 

  1. I posti in chiesa sono limitati rispetto al solito per via dell’obbligo di stare a distanza di 1 metro gli uni dagli altri. All’ingresso un cartello avviserà il numero massimo consentito di partecipanti alla Messa. Oltre tale limite non si può andare. Gli incaricati del servizio di sicurezza potranno impedire l’accesso ai soprannumerari.

 

  1. Si entra in chiesa uno alla volta. Le porte dovrebbero rimanere aperte per evitare ai fedeli di toccarle per entrare.

 

  1. Mentre si entra mantenere la distanza di mt 1,5.

 

  1. Ci si siede ove è indicato col segnaposto. Comunque la distanza tra le persone deve essere di 1 metro laterale e frontale. Ciò vale anche per la Messa all’aperto.

 

  1. Anche i nuclei familiari sono tenuti ad osservare tale distanza. I bambini fino a 6 anni di età invece sono esonerati sia dalla distanza che dall’indossare la mascherina.

 

  1. Una volta occupato il proprio posto non si può cambiare durante tutta la celebrazione. Né ci si può spostare o girare per la chiesa.

 

  1. Non ci sarà acqua benedetta nella acquasantiere, né libretti di canti, né il foglietto per seguire la Messa. Tutto ciò che è contatto con oggetti può diventare veicolo di contagio.

 

  1. I lettori siano solo quelli incaricati preventivamente dal parroco.

 

  1. Non si fa la processione offertoriale.

 

  1. Non si raccolgono le offerte nel modo solito. Si può lasciare la propria offerta nei recipienti collocati in luogo idoneo.

 

  1. Il sacerdote consacra le ostie che rimangono chiuse nella pisside. Toglie il coperchio solo al momento della Comunione, dopo che si è disinfettato le mani di fronte a tutti. Per dare la Comunione il sacerdote, o il ministro, deve indossare la mascherina.

 

  1. Al momento di ricevere la Comunione i fedeli si avvicinano rispettando la distanza di 1 metro tra di loro.

 

  1. La comunione viene data solo sulla mano. Il sacerdote deve evitare il contatto con la mano del fedele (lascia cadere l’ostia).

 

  1. Il fedele ricevuta la Santa Ostia, si ponga lateralmente e alzando leggermente la mascherina,

la consumi.

  1. Al termine della celebrazione si lasci la chiesa in modo ordinato evitando assembramenti in chiesa e sul sagrato.

 

  1. Non ci si fermi a parlare con il sacerdote ma si fissi un appuntamento in luogo idoneo.

Vademecum per i fedeli