Author:

OGGI LA MESSA DI SUFFRAGIO PER BENEDETTO XVI DELLE CHIESE DI MONTEPULCIANO-CHIUSI-PIENZA E DI SIENA-COLLE DI VAL D’ELSA-MONTALCINO

Oggi, 31 gennaio, alle ore 17,30, nella concattedrale di Chiusi, nel trigesimo della morte di Benedetto XVI, il card. Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo Di Siena-Colle Di Val d’Elsa-Montalcino e vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza presiederà la solenne celebrazione con i fedeli, le comunità parrocchiali, le associazioni e le autorità.

SINALUNGA, IL 2 /2 RIFLESSIONE E SANTA MESSA DEL CARD. LOJUDICE PER LA XXVII GIORNATA MONDIALE DELLA VITA CONSACRATA

Giovedì prossimo 2 febbraio 2023, alle ore 15, in occasione della XXVII Giornata Mondiale della Vita Consacrata, il card. Augusto Paolo Lojudice, vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza terrà un momento di riflessione sul messaggio della giornata presso l’Istituto S. Teresa di Sinalunga.
A seguire alle ore 15,30, presso la chiesa della Madonna delle Neve – sempre a Sinalunga – il Cardinale presiederà la celebrazione eucaristica.

RADICOFANI, DAL 2/2 IL TRIDUO DI PREPARAZIONE ALLA FESTA DI S. AGATA. IL 5/2 LA MESSA CON IL CARD. LOJUDICE

Prenderà il via il prossimo 2 febbraio 2023 il triduo di preparazione della festa patronale di Sant’Agata promossa dalla parrocchia S. Pietro Apostolo a Radicofani. Fino al 4 febbraio sono previsti: alle ore 17 il Santo Rosario e alle ore 17,30 la Santa Messa.
Sabato 4 febbraio 20223, alle ore 21 grande serata di “canto, musica e poesia per il Signore” con la partecipazione dei bambini dell’oratorio e il coro parrocchiale.
Domenica 5 febbraio 2023 in occasione delle festa patronale di Sant’Agata sono stati previsti diversi momenti: alle ore 11,30 la Santa Messa e la processione; alle ore 17 il Santo Rosario e alle ore 17,30 la Santa messa presieduta dal card. Augusto Paolo Lojudice, vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza con partecipazione della corale parrocchiale e del coro dei bambini.

LA CELEBRAZIONE PER SANT’AGNESE NELLA CASA NATALE

Ricorre oggi, sabato 28 gennaio, il giorno natalizio di Sant’Agnese Segni: per l’occorrenza siamo tutti invitati a partecipare all’ Adorazione Eucaristica e, a seguire, alla Celebrazione Eucaristica che sarà presieduta dal parroco don Azelio Mariani. Saranno presenti le Suore domenicane e il Terz’Ordine domenicano

GIORNATA DELLA MEMORIA, L’ALLARME DELLA SEN. SEGRE, “CRESCE L’ANTISEMITISMO ON-LINE”

In occasione della Giornata della Memoria che ricorre oggi, proponiamo un articolo edito da Avvenire che riprende l’appello della senatrice Liliana Segre a fare attenzione alle nuove frontiere dell’intolleranza che spesso passano per la rete internet.

«Tra qualche anno sulla Shoah ci sarà una riga nei libri di storia e poi più nemmeno quella: il pericolo dell’oblio c’è sempre ».
Una Liliana Segre pessimista, ha presenziato alla presentazione delle manifestazioni promosse per la Giornata della Memoria di venerdì. Soddisfatta perché, per la prima volta, il tram che transita vicino al Memoriale del Binario 21 della Stazione Centrale è stato «travestito » con i manifesti della Giornata, («Finalmente, ma da quanti anni poteva esserci questo tram?», ha chiesto), la senatrice a vita ha sottolineato l’importanza delle pietre d’inciampo, da qualche anno posizionate sui marciapiedi davanti alle abitazioni da cui furono prelevati gli ebrei finiti nei campi di concentramento.
«Dovrebbero essere davvero “di inciampo” – ha osservato l’anziana sopravvissuta allo sterminio – per metterci un fiore, come si usa nei cimiteri ebraici. Spesso invece, sono coperte da una bici, un monopattino, una macchina, se non da vernice nera. È molto importante parlare delle pietre e fare conoscere ai ragazzi i nomi che sono riportati – ha ricordato Segre –. Con le pietre, il giorno della memoria è sempre. In tutta Europa ce ne sono migliaia che invitano a fermarsi, a dire una preghiera per chi è religioso, o semplicemente a pronunciare quel nome. Le mie pietre, quella di mio padre e quelle dei nonni, per me sono la loro tomba, fatta della cenere del cielo di Auschwitz ».

Cresce la violenza online

Proprio gli ebrei sono tra i gruppi sociali maggiormente presi di mira dagli odiatori della Rete. Sui social, ormai, si comunica di meno ma si odia di più, segno evidente di una radicalizzazione del fenomeno. Questa l’allarmante sintesi della settima edizione della Mappa dell’intolleranza, presentata, sempre ieri, all’Università Statale di Milano e realizzata da Vox-Osservatorio italiano sui diritti, in collaborazione con lo stesso ateneo milanese, l’Università “Aldo Moro” di Bari, la Sapienza di Roma e It’stime dell’Università Cattolica. Nei primi dieci mesi del 2022. i ricercatori di Vox hanno estratto ed analizzato 629.151 tweet dei quali 583.067 negativio (pari al 93% circa). Nello stesso periodo del 2021, i tweet estratti furono quasi 70mila in più (797.326), ma quelli negativi 33mila in meno (550.277, pari al 69% del totale). I messaggi monitorati hanno riguardato sei gruppi: le donne, le persone omosessuali, i migranti, le persone con disabi-lità, appunto gli ebrei e i musulmani. Ai primi tre posti per numerosità dei messaggi d’odio ci sono le donne (43,21% di tweet negativi, in linea con i risultati del 2021), le persone con disabilità (33,95%) e omosessuali (8,78%). Seguono migranti (7,33%), ebrei (6,58%) e islamici (0,15%).

Le donne nel mirino degli hater

«L’odio contro le donne esplode in rete soprattutto in occasione di casi di femminicidio», ha spiegato Silvia Breva, ideatrice della Mappa dell’intolleranza. La «correlazione tra hate speech e crimini d’odio», è stata sottolineata da Marilisa D’Amico, prorettrice della Statale e docente di Diritto Costituzionale, che ha invitato ad avere una maggior «cura delle parole». Attività da svolgere soprattutto nelle scuole, ha ribadito il linguista Federico Faloppa, coordinatore della Rete nazionale per il contrasto ai discorsi e ai fenomeni d’odio. «L’Italia – ha ricordato – non si è ancora dotata della Commissione nazionale per i diritti umani, come da tempo chiede l’Onu».

 

MONTEPULCIANO, IL 29 GENNAIO LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME “ SANTA MARIA DELLE GRAZIE”

Domenica prossima, 29 gennaio 2023, presso la chiesa di Santa Maria delle Grazie a Montepulciano, alle ore 12,30 si terrà la presentazione del libro “Santa Maria delle Grazie” a cura di Antonio Sigillo. Presenti, oltre all’autore, Alice Raspanti, vicesindaco di Montepulciano, Paolo Tiezzi, presidente dell’istituto di valorizzazione delle abbazie storiche della Toscana.
Prima dell’evento alle ore 11,30 si terrà la celebrazione eucaristica presieduta dal parroco don Domenico Zafarana.

TORRITA DI SIENA, DAL 26 GENNAIO IL TRIDUO PER LA FESTA DI S. COSTANZO. IL 29 LA MESSA CON IL CARD. LOJUDICE

Prenderà il via i prossimi 26 e 27 gennaio 2023 il triduo di preparazione della festa di S. Costanzo a Torrita di Siena con la santa messa e la preghiera al santo patrono presso la Collegiata.
I festeggiamenti sono promossi dalle comunità parrocchiali di Santo Costanzo e martino e Nostra Signora del Rosario.
Domenica 29 gennaio 2023, alle ore 18 in occasione della solennità di San Costanzo, vescovo e martire, Patrono di Torrita di Siena il card. Augusto Paolo Lojudice, vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza presiederà la solenne celebrazione presso la Collegiata.

DOMENICA 22 GENNAIO SI CELEBRA LA DOMENICA DELLA PAROLA DI DIO

Disponibile il sussidio per la celebrazione

Si celebra il 22 gennaio 2023 la Domenica della Parola di Dio. Per l’occasione, l’Ufficio Catechistico, l’Ufficio Liturgico, l’Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso, l’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici e l’Edilizia di Culto e l’Ufficio per la Cooperazione Missionaria tra le Chiese hanno preparato un Sussidio con alcune proposte per la preghiera e la meditazione sul tema: Parola di Dio e missione.
“La Chiesa in ascolto è la Chiesa missionaria: proiettata verso il mondo, desiderosa di crescere nella fede, interessata a ogni uomo e donna, attenta soprattutto a quanti abitano loro malgrado le periferie esistenziali”, sottolinea Mons. Giuseppe Baturi, Segretario Generale della CEI, ricordando che “l’ascolto della Parola di Dio educa il cuore a entrare in relazione profonda con le persone e con gli eventi della storia: Dio parla ancora attraverso le Scritture e la vita concreta”. Ecco allora che, osserva ancora Mons. Baturi nella presentazione, “è questa la strada che le nostre Chiese intendono percorrere insieme, nella fedeltà al Vangelo e nel servizio ai fratelli”.
“Il Sussidio – spiega Don Fabrizio Ilari, direttore dell’ufficio liturgico diocesano – propone testi, commenti e immagini scelti con cura, in base alle competenze di ciascun Ufficio, per favorire la preghiera e la riflessione. L’auspicio è che questo strumento possa favorire nelle comunità e nelle famiglie quell’esercizio interiore di ascolto, da cui ha origine non solo la fede, ma anche la speranza e la carità”.

Qui il link per scaricare il sussidio: DomenicaParola2023s

A CHIUSI IL 23 GENNAIO LA MESSA E LA RIFLESSIONE SULLA SETTIMANA PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI

Disponibile lo schema per la celebrazione ecumenica della Parola di Dio

Dal 18 al 25 gennaio 2023 si terrà la Settimana per l’Unità dei Cristiani, che quest’anno avrà come tema “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia” (Isaia. 1,17).
Il tema della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani del 2023 è stato scelto, e il sussidio preparato, da un gruppo locale degli Stati Uniti d’America (USA) convocato dal Consiglio delle chiese del Minnesota. Nel dicembre del 2020, il gruppo si è incontrato per la prima volta da remoto, sebbene molti già si conoscessero e tutti conoscessero il lavoro del Consiglio delle chiese del Minnesota, i cui leader sono attivisti e/o pastori in varie congregazioni e comunità.
I membri del gruppo locale del Minnesota sperano che la loro esperienza personale di razzismo e denigrazione come esseri umani possa servire come testimonianza della disumanità di cui possono mostrarsi capaci i figli di Dio, nei confronti del proprio prossimo. Ma c’è anche un profondo desiderio interiore che, come cristiani che incarnano il dono di Dio dell’unità, si indirizzino e sradichino le divisioni che impediscono di comprendere e sperimentare la verità che tutti apparteniamo a Cristo.
L’Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso della diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza promuove per lunedì 23 gennaio 2023, alle ore 18, nella concattedrale di Chiusi la messa con l’intervento del Diacono Renato Rossi, responsabile del Servizio per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso dell’Arcidiocesi di Siena- Colle di Val D’Elsa- Montalcino, che proporrà una riflessione sulla settimana per l’unità dei cristiani.
Inoltre, sono state invitate tutte le parrocchie e le rettorie a intensificare la preghiera e i gesti di incontro con i fratelli cristiani presenti nel territorio. Non sfugga, anzi si valorizzi il collegamento tra il dialogo e la pacifica convivenza dei cattolici con i cristiani, e di questi con le Genti del Mondo intero. La pace è UN dono divino da invocare con fiducia e da costruire ponendo gesti di solidarietà tra i credenti e con la giustizia tra gli Uomini e i Popoli.
L’Ufficio per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso della diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza mette a disposizione sul sito diocesano (www. https://www.montepulcianochiusipienza.it/) lo

Scarica qui lo schema: https://www.montepulcianochiusipienza.it/wp-content/uploads/sites/2/2023/01/schema-Sett-Xni-2023-Montepulciano.pdf

LE IMMAGINI DELL’INCONTRO DEL CARD. LOJUDICE SULLA PACE CON I LICEI POLIZIANI OSPITI D’ONORE I RAGAZZI DI BETLEMME E GERUSALEMME

Ecco le immagini dell’incontro – tenutosi questa mattina – del card. Augusto Paolo Lojudice, vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza, con gli alunni delle classi seconde e terze dei licei Poliziani di Montepulciano sul tema della pace. Ospiti d’onore sono stati i ragazzi del coro “Sound of Angels – Bethlehem”, costituito da ragazzi delle scuole cristiane di Betlemme, Beit Jala, Beit Sahour e Gerusalemme per volontà di padre Ibrahim Faltas, Vicario della Custodia di Terra Santa e Direttore di tutte le Scuole della Custodia di Terra Santa. Il gruppo ha incontrato i coetanei di Montepulciano insieme al card. Lojudice e a Franco Vaccari, fondatore di Rondine Cittadella della pace di Arezzo.