Archivi della categoria: Dalle Parrocchie

a cura della pastorale giovanile

Grest2020 – terza puntata

Continuano le puntate delle belle notizie da condividere e torniamo nella Parrocchia della Pieve di Sinalunga. Cambiano le facce, le magliette gialle con sorriso in primo piano sembrano non cambiare mai, ma quello che resta indelebile è la gioia e la parola che osiamo aggiungere oggi alla fine della seconda settimana di GREST….IAMOINSIEME2020 è “dolcezza”.
Guardiamo queste foto dal punto di vista dei bambini, di coloro che sono animati e ci rendiamo ben conto che hanno ritrovato in pochi attimi quello che in 3 mesi avevano dovuto mettere da parte ed è l’aria aperta, lo stare insieme e il sentirsi presi in considerazione. In una parola: il sentirsi amati. Il tutto formato felicità. Poi guardiamo le foto dal punto di vista degli animatori, gli stessi animatori della settimana scorsa che ancora non si sono stancati di amare e che sanno che il formato felicità funziona se ti metti al livello dei piccoli, se giochi con loro, se li aiuti a rialzarsi quando un gioco finisce male e perdi, se li fai ballare, se li aiuti a pregare, se stai con loro anche quando non serve o forse serve sempre perchè nella misura in cui ti fai piccolo allora tutto serve, quando capisci che la logica di Dio è mettere al centro un bambino allora tutto serve, quando non ti sforzi di sorridere ma il sorriso ti parte dal cuore allora tutto serve…sì, è la vita che è così, come diceva don Bosco quando parlando di educazione diceva che è “cosa del cuore” e quando il cuore parla ti lasci andare anche a sorrisi un po’ imbecilli che però non hanno nulla da togliere ai piccoli ma ti fanno sentire più vero salendo un gradino in più non per farti grande ma per essere grande nel regno dei cieli dove vincono i piccoli.
Cari bambini e cari ragazzi grazie perchè questa settimana avete insegnato ai vostri animatori ad essere felici e a noi a godere della dolcezza che, come in un gelato, va gustata pian piano ma attenti a non perderne neppure una goccia.
E’ proprio vero – come è scritto nel salmo 129 – “Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme!”. Grazie Parrocchia S. Pietro ad Mensulas e a tutti gli animatori in ordine sparso Andrea Caroni, Federico Nassi, Silvia Mancini, Giulia MarignaniAlberto Tanganelli, Matteo Attombri, Giulia Di Goro, Gianmarco Castellano, Alessio Massai, Martina Marignani, Marco Delfino, Aurora Affinita, Fabiana Sabatino, a tutti quelli che c’erano ma noi non ne sappiamo i nomi, a tutti i bambini e ragazzi, al gelataio che vi ha fatto un regalo immenso e a don Claudio Porelli che si sporca le mani e dilata il cuore per accogliere tutti!
Avanti così. Il Signore continui a far brillare i vostri volti per un’altra settimana e per un’altra ancora in attesa che anche i giovani di Gracciano GRE.GRA, partano lunedì per le loro due settimane di centro estivo #lontanimavicini
#sempreconTe #estate2020 #pastoralegiovanilediocesana #animatori #apertoperferie #parrocchia #grest

 

a cura della pastorale giovanile

Grest2020 – prima puntata

Ci sono tante realtà di giovani in Diocesi, giovani belli che fanno tanto bene senza fare rumore, ne fanno talmente poco che a volte sembra che non ci siano…eppure come tante formichine laboriose osano sfidare anche i protocolli impossibili della sicurezza accettando tutto pur di essere testimonianza e dono e impegnandosi più del solito per darsi da fare per gli altri. Quest’anno per i nostri Centri Estivi è stato tutto davvero più difficile e senz’altro complicato tanto da “farti scappare la voglia” come si dice spesso. Eppure due parrocchie hanno osato, hanno provato e sono partite… una è la Pieve di Sinalunga con il parroco don Claudio Porelli e l’altra è il Gruppo Giovani di Gracciano, che con l’aiuto di sr Fabiana Benedettini, instancabili fino all’ultimo ostacolo, hanno vinto anche il Bando del Comune di Montepulciano che li ha inseriti tra le iniziative estive per ragazzi.
Magari per tanti è poco ma per loro è stata una sfida che li ha visti lottare, abbattersi, rialzarsi, confrontarsi, sbagliare uscendo prima con il volantinaggio quando ancora non si poteva farlo, presi dal classico impeto dei giovani, hanno volato per la prima volta da soli fieri di aver imparato qualcosa dal vecchio parroco don Bala che ha cresciuto dei giovani veramente in gamba.
Quindi nei nomi di Oliwia Pyda, Diego Caselli, sr Fabiana Benedettini per Gracciano e Don Claudio Porelli per i giovani della Pieve di Sinalunga ringraziamo tutti.
Grazie Giovani della Pieve, grazie Gruppo Giovani di Gracciano e grazie a tutti i giovani che con il sorriso e il dono di sé fate della vostra vita un dono, un meraviglioso mistero da contemplare. Grazie da parte di tutta la Pastorale Giovanile

#estate2020 #pastoralegiovanilediocesana #animatori #apertoperferie #parrocchia #grest

a cura della pastorale giovanile

Grest2020 – seconda puntata

E’ giusto condividere cose belle e bello è il sorriso che brilla sui volti dei giovani. Non è che brilla per un esame andato bene o per aver passato la maturità, anche per quello, ma quello che vediamo oggi è un sacco più bello perchè ha le radici nel cuore, un cuore che per una settimana si è sdato per far felici gli altri. Ecco il segreto della bellezza: nascere, crescere, vivere imparando a fare della vita un dono.
Questo è successo in questi giorni nella Parrocchia S. Pietro ad Mensulas dove baldi giovanotti e tenere signorine si sono dati un gran daffare nella prima settimana di “Grest…iamo insieme 2020”.
Guardateli questi occhi, guardate quelli degli animatori e quelli dei ragazzi, guardate la gioia dello stare insieme pur mantenendo quella distanza necessaria voluta per la sicurezza, guardate le loro espressioni vive dopo mesi davanti al computer, guardate, guardate bene perché è così che i giovani vogliono vivere, è così che la vita è spesa bene, è così, servendo che si impara a servire, amando che si impara ad amare, camminando che si impara a camminare, donando che si impara a donare anche giocando!
E per carpire il segreto di tutto questo rubiamo l’hashtag degli animatori della Pieve che spicca sulle loro magliette: #sempreconTe
Grazie ragazzi! buona continuazione di questo GREST e che il Signore vi benedica nel vostro sacrificio sorridente che nella stanchezza mantiene alto i cuori.
Nei nomi di Andrea Caroni, Federico Nassi, Silvia Mancini , Giulia Marignani, Alessio Massai, Martina Marignani, Marco Delfino, Giulia Meocci, Giulia Di Goro, Sara Marchi, Gianmarco Castellano e don Claudio Porelli ringraziamo veramente tutti coloro che hanno messo qualcosa perchè tutto andasse al meglio!

a cura del Gruppo Scout Montepulciano 1

Infiorata resistente

Condividiamo con piacere una bellissima iniziativa a cura del Gruppo Scout Montepulciano 1

Il Gruppo Scout Montepulciano 1 non si ferma e anche quest’anno realizzerà la sua famosissima Infiorata in occasione del Corpus Domini: sarà un po’ diversa e più piccola, ma brillerà di una luce unica e più accesa che mai.

Vogliamo dedicare questa Infiorata a loro: i bambini e i ragazzi che più di altri avranno sofferto questo periodo difficile.

Per questo intendiamo raccogliere fondi e fare una donazione al servizio SMIA (Salute Mentale Infanzia e Adolescenza) dell’Ospedale di Nottola per l’acquisto di dotazioni tecnologiche da usare durante le terapie.
Potete partecipare anche voi facendo una donazione direttamente quando verrete a vedere l’Infiorata oppure versando al seguente IBAN IT20K0848925602000000101037 con la causale «donazione SMIA».

Vi aspettiamo!

dalla parrocchia di Montepulciano Stazione

Preghiera del Rosario al Bosco uniti alla Diocesi

A nord della parrocchia, nella zona che guarda verso Montepulciano, dagli anni ’90, è sorto un popoloso quartiere intorno a Via Trento e Via Bolzano. Proprio qui, al limitare del bosco di Maramao, alcune famiglie della zona, intorno al 2009, posero una piccola statua della B. V. Maria. Da allora, ogni anno, nei mesi di maggio e ottobre, siamo soliti ritrovarci una volta alla settimana per la recita del Santo Rosario.
Il 18 maggio, giorno di ripresa delle celebrazioni liturgiche, abbiamo pensato di ringraziare il Signore, dandoci convegno davanti a questa piccola immagine, purtroppo il temporale, quella sera impedì l’ iniziativa. Ci siamo comunque ritrovati nei giorni di lunedì, martedì e giovedì 25,26,28 maggio per recitare il santo rosario unendoci al Vescovo Stefano.
Ogni sera, un bel gruppo di persone di ragazzi che si preparano alla Cresima e alla prima Comunione insieme a varie famiglie, ci siamo ritrovati e ci siamo sentiti in qualche modo uniti e più vicini al nostro Pastore e a tanti fratelli e sorelle di tutta la Diocesi.
E’ stato un modo bello per ritrovarci insieme sotto il grande tempio del cielo stellato e la bella quercia, ai piedi della quale, la devozione popolare ha posto questa piccola immagine della nostra cara Mamma del cielo.

Grazie alle distanze

GERALDINA

Da Sovvenire

Cari amici del Sovvenire,
è in uscita il numero 1 di questo 2020 del periodico “Sovvenire”, che – come è noto – informa sul sostegno economico alla Chiesa cattolica. E che è possibile leggere on line alla pagina www.sovvenire.chiesacattolica.it/edizione-rivista-sovvenire/marzo-2020. Le varie rubriche che lo compongono presentano il rendiconto “morale” e “monetario” dell’anno appena trascorso. Il rendiconto morale narra degli interventi effettuati a favore dei più svantaggiati. Si hanno così notizie circa il Centro di accoglienza per persone senza fissa dimora attivato nella diocesi di Acireale, per proseguire poi a Ladispoli (Roma) dove “un mare di carità” fa funzionare la mensa, il poliambulatorio ed il servizio di igiene personale. Il rendiconto – abbracciando idealmente tutta l’Italia – giunge infine a Morgano (Treviso) dove “Casa Respiro” offre sollievo ai suoi ospiti,affetti dal disagio mentale. E’ la solidarietà che si fa vicinanza, trasformando le offerte deducibili che i fedeli fanno utilizzando i bollettini postali a disposizione in ogni parrocchia. Una solidarietà che non vuole arretrare, anche se il rendiconto monetario segna una flessione sia sul numero delle offerte sia sull’importo versato, che passa dai 6 milioni del 2018 ai 5 del 2019. L’editoriale del periodico è firmato da Vincenzo Mollica, il noto giornalista, beniamino del pubblico ed apprezzato cronista dell’ultimo Festival di Sanremo. Pur sofferente di Parkinson, glaucoma e diabete (un terno secco, così li definisce) Mollica non si abbatte e ci ricorda che “ogni mattina porta con sé una speranza e bisogna saperla accarezzare”. Una bella testimonianza, questa di Mollica, resa con il garbo che ha contraddistinto la sua attività. Il prossimo numero di Sovvenire darà rendiconto dell’impegno della Chiesa in questo duro tempo di Coronavirus.
Giovanni Mignoni
Incaricato diocesano Sovvenire