Archivi della categoria: cdv

a cura della pastorale giovanile e vocazionale

I podcast di AVVENTO GIOVANI 2020 – La tua Parola mi fa vivere (sal 118)

Su iniziativa del Vescovo insieme ai giovani delle parrocchie e delle associazioni presenti in diocesi, è nato il progetto podcast AVVENTO GIOVANI 2020: “La tua Parola mi fa vivere” (Sal 118). Quale Parola per te?

Da domenica 29 novembre 2020, primo giorno di Avvento, e fino a Natale, la proposta per i giovani è di iniziare la giornata affidandola al Signore per trovare il passo giusto.  Saranno sufficienti un paio di cuffie e lo smartphone per ascoltare i 27 podcast quotidiani che guideranno un momento di preghiera.

La struttura sarà costante: si aprirà con una breve introduzione e l’invito a mettersi in ascolto del brano di Vangelo del giorno, commentato dal Vescovo nelle 4 domeniche di Avvento e dai giovani che, a turno, si alterneranno nei giorni feriali. Tutti si sono lasciati provocare dalla Parola che commentano e desiderano condividere quanto li ha smossi e provocati. La preghiera si concluderà sempre con un canto.

I podcast saranno a disposizione sul sito spreaker cercando : https://www.spreaker.com/user/montepulcianochiusipienza

sul Canale di You tube della diocesi: https://www.youtube.com/channel/UCtLteN4mrO5C-AINESi4d2Q/featured?view_as=subscriber

su Google podcast: https://www.google.com/podcasts?feed=aHR0cHM6Ly93d3cuc3ByZWFrZXIuY29tL3Nob3cvNDY4Njk0Mi9lcGlzb2Rlcy9mZWVk

su Deezer: https://www.deezer.com/show/2022122

 e su Spotify: https://open.spotify.com/show/5cHQswnAjsSCphYtLf5tl4

e fotogallery

Registrazione in streaming della testimonianza di don Marco Pozza

Grazie a NTi canale 271 abbiamo la possibilità di avere in streaming l’incontro integrale della Convocazione Diocesana vissuta al centro polivalente ex macelli in cui don Marco Pozza, sacerdote vicentino, parroco del Carcere di massima sicurezza Due Palazzi di Padova, ha lasciato la sua toccante testimonianza.

E’ possibile inoltre accedere alla foto gallery

a cura del Centro Diocesano Vocazioni e della Pastorale giovanile

Prima professione di fra Giacomo Mariotti ofm

C’era una volta un giovane, era un giovane molto attivo non solo in parrocchia ma in Diocesi, animatore dell’azione cattolica e poi gifrino della fraternità di Sinalunga. Si chiama Giacomo e, come il santo di cui porta il nome, ha sentito che la vita gli presentava sempre nuove occasioni per farsi dono finché, pian piano, imparò a capire che il Signore gli stava donando davvero tanto, così tanto che per continuare a seguire il Signore occorreva che tutto quello che riceveva lo donasse agli altri. Ha imparato a fare della sua vita un dono, spostando lo sguardo e il cuore dalle cose della terra verso il Cristo.
Ed è lì che la vita ha preso una svolta decisiva, non solo perché per seguire il Signore ha dovuto lasciare quello che faceva prima, non solo perché ha dovuto lasciare il lavoro, la famiglia, le amicizie e tutto ciò che dava una certa sicurezza e indipendenza ma perché sul suo viso è apparsa una luce nuova, la sua vita è cambiata nel momento in cui si è abbandonato fiduciosamente abbracciando, come Francesco d’Assisi, la vita religiosa facendosi frate minore.
No, non è giusto dire c’era una volta perché lui è fra Giacomo, da ieri frate minore e noi non abbiamo perso nulla anzi abbiamo capito che è in Dio la nostra felicità ed è una possibilità aperta per tutti!
Grazie Giacomo, tutta la Pastorale Giovanile diocesana e il Centro Diocesano Vocazioni Montepulciano-Chiusi-Pienza dice grazie per il tuo sì e dice grazie anche al nostro Vescovo che ha voluto volare fino in Polonia per esserti vicino e rappresentare tutta la diocesi in questo momento di grazia.

a cura del CDV

Mese vocazionale

Buongiorno! In questo mese dedicato alla Madonna abbiamo pensato di intensificare la nostra preghiera per le vocazioni affidando a lei che è Madre ogni Chiamata perché sia veramente risposta all’amore incondizionato di Dio.
Lei, Maria, nostra Madre e Maestra ci guiderà in questo percorso.
Vi invio il un piccolo programma che servirà di guida per la preghiera… ogni settimana una vocazioni da contemplare,ringraziare e pregare. Un saluto con affetto: Sr Eliana

Questo il messaggio di presentazione che sr Eliana ha mandato in qualità di direttrice del CDV inviando un piccolo sussidio che spiega l’intento e che alleghiamo, ogni giorno per whatsapp, per chi lo desidera e sulla pagina del Centro Diocesano Vocazioni, verrà postata una foto con l’intenzione di preghiera.

scarica qui il sussidio del mese vocazionale della prima settimana

 

scarica qui il sussidio per la seconda settimana

                       

scarica qui il sussidio per la terza settimana

   

scarica qui il sussidio per la quarta settimana

     

 

Incontro di preghiera per giovani con Il Vescovo Stefano il giovedì santo

Ecco l’invito del Vescovo Stefano a tutti i giovani della Diocesi “al Getsemani” per Giovedì 9 aprile alle ore 21.00 in diretta YouTube sulla pagina della Diocesi e su Facebook nella Pagina della Pastorale giovanile diocesana. L’invito del Vescovo ai Giovani al “Getsemani”   La Pastorale giovanile e vocazionale della nostra Diocesi, insieme al Vescovo Stefano ha pensato di dedicare un momento di preghiera per … Continua a leggere Incontro di preghiera per giovani con Il Vescovo Stefano il giovedì santo »

Passi dentro. Posture al lato [è stato rimandato ad ottobre – seguiranno aggiornamenti]

L’Ufficio per la pastorale delle vocazioni dell’Umbria propone un convegno sull’ accompagnamento vocazionale tra la sapienza dell’Altro e sapienza di sè. L’incontro avverrà a Perugia presso il Seminario Pio XI ad Assisi il 14 marzo 2020 dalle 9.30 alle 12.30 e i relatori saranno la Prof. Antonia Chiara Scardicchio e don Tony Drazza. Per ogni informazione si può contattare il CDV della nostra Diocesi parlando con Sr Eliana (366 207 3235)

 

Immagine per la GMPV2020

«Datevi al meglio della vita» (ChV 143)
Opera di: Stefano Nava, Tempera su cartoncino (35×55), 2019
L’immagine che abbiamo scelto per il prossimo anno pastorale 2019-2020 è una tempera su cartoncino di Stefano Nava, estremamente ricca di riferimenti biblici nascosti nella scena.
Il motivo principale è l’annuncio che il «meglio della vita» è Gesù, raffigurato al centro e riconoscibile per due ‘indizi’: l’abito rosso rivestito di blu, colori tipici dell’iconografia per indicare la duplice natura umana e divina di Cristo e la sciarpa con tre righe orizzontali che vuole ‘simboleggiare’ il – tallit – il mantello della preghiera del quale è sufficiente toccare un lembo per essere guariti (Mt 9,20; Mt 14,36).
Appena dopo l’incontro con Gesù i due giovani intuiscono la promessa del loro futuro – la loro vocazione, il meglio di loro stessi (ChV 257) – raffigurata dalle loro stesse ombre che, proiettate in avanti, danzano la vita. La felicità, la fecondità, la vocazione è sempre in movimento, in avanti, ‘per’ qualcuno (ChV 286). I due guardano Gesù, forse ancora non lo hanno riconosciuto, ma sono accesi di quella promessa che avvince senza costringere, sempre lascia spazio alla libertà nella  sequela (Lc 18,27). All’alba (Mt 20,1; Mt 28,1; Gv 21,4) dell’incontro, il Risorto
è già un passo oltre, sempre in cammino.
Il dipinto è ricco di segni che ricordano coloro che dopo l’incontro con il Signore, hanno riconosciuto la loro vocazione: sullo sfondo la casa di Zaccheo con accanto il sicomoro (Lc 19,1-10) e lì accanto la punta della barca di Simone ed Andrea (Mc 1,16); poco più avanti la brocca dimenticata dalla Samaritana (Gv 4,28) e il fuoco di brace ancora acceso dopo il pranzo di pesce arrostito consumato con il Risorto (Lc 24,36-42; Gv 21,1-9). Ancora, sulla sinistra, le monete lasciate da Matteo (Mt 9,9; Lc 5,27) e ai piedi di Gesù, il vaso di nardo, di cui ancora sentiamo il profumo, insieme al Vangelo (Gv 12,3; Mc 14,1.9).
Sulla sinistra alcuni alberi che iniziano a germogliare (Is 61,11) perché c’è un motivo per cui alzarsi (Ct 2,10) e decidersi a spendere la vita: c’è un inverno che sta finendo e qualcosa di nuovo che sorge (Is 43,19) e si impone come la scelta da fare, la via da prendere, qualcuno per cui spendere tutta la propria vita (EG 273).
don Michele Gianola, Direttore dell’Ufficio Nazionale per la pastorale delle vocazioni

Intervento del Vescovo al Convegno Regionale PV e PG

Il nostro Vescovo, come delegato CET per i Seminari e la Pastorale vocazionale, ha presieduto al Convegno regionale organizzato dal Centro Regionale Vocazioni e dal Servizio Regionale di Pastorale giovanile a Poggibonsi dove è intervenuto S.E. Mons. Nicolò Anselmi raccontando la sua esperienza al recente Sinodo dei Giovani.
Sono state raccolte delle interviste da Tele Arezzo tra cui quella al Vescovo Stefano che possiamo rivedere a questo link