Author:

Oratorio Sacro in onore di San Roberto Bellarmino

Domenica 19 settembre alle  ore 18 in Cattedrale, in occasione del 400° anniversario di San Roberto il gruppo musicale “Fideles et Amati” presenterà un Oratorio ispirato a San Roberto Bellarmino)  dal titolo “CON LA MENTE NEL CUORE” con:

Marcello Bronzetti – Roberto Bellarmino
Fatima Lucarini – L’Io
Laura Ferrari – La scienza
Fabio Fois – Giordano Bruno
Chiara Tettoni – La chiesa
Direttore: Tina Vasaturo
Testi e musica: Marcello Bronzetti

Concerto “Il Barocco tra festa e canto sacro”, con la direzione del M° Beatrice Venezi.

In occasione del concerto “Il Barocco tra festa e canto sacro”, è il celebre direttore Beatrice Venezi a guidare l’𝗢𝗿𝗰𝗵𝗲𝘀𝘁𝗿𝗮 𝗣𝗼𝗹𝗶𝘇𝗶𝗮𝗻𝗮 e la 𝗖𝗼𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗣𝗼𝗹𝗶𝘇𝗶𝗮𝗻𝗮 nell’esecuzione di 𝘔𝘶𝘴𝘪𝘤𝘢 𝘱𝘦𝘳 𝘪 𝘙𝘦𝘢𝘭𝘪 𝘧𝘶𝘰𝘤𝘩𝘪 𝘥’𝘢𝘳𝘵𝘪𝘧𝘪𝘤𝘪𝘰 𝘪𝘯 𝘳𝘦 𝘮𝘢𝘨𝘨𝘪𝘰𝘳𝘦 di Händel, 𝘈𝘷𝘦 𝘷𝘦𝘳𝘶𝘮 𝘤𝘰𝘳𝘱𝘶𝘴 di Mozart, 𝘎𝘭𝘰𝘳𝘪𝘢 di Vivaldi e 𝘓𝘢𝘶𝘥𝘢𝘵𝘦 𝘥𝘰𝘮𝘪𝘯𝘶𝘮 dai Vesperae Solennes de Confessore di Mozart, giovedì 16 settembre al Tempio di San Biagio.
L’evento, che prevede la partecipazione nei ruoli solisti dei soprani Gaia Matteini e Chiara Franceschelli, insegnanti dell’Istituto di Musica Henze, si svolge nell’ambito delle celebrazioni di San Roberto Bellarmino.
.
𝗚𝗜𝗢𝗩𝗘𝗗𝗜 𝟭𝟲 𝗦𝗘𝗧𝗧𝗘𝗠𝗕𝗥𝗘 ‘𝟮𝟭 | 𝗼𝗿𝗲 𝟮𝟭.𝟭𝟱
𝗠𝗢𝗡𝗧𝗘𝗣𝗨𝗟𝗖𝗜𝗔𝗡𝗢 (𝗦𝗜) | 𝗧𝗘𝗠𝗣𝗜𝗢 𝗗𝗜 𝗦𝗔𝗡 𝗕𝗜𝗔𝗚𝗜𝗢
.
🟨 Prenotazioni via email > abbazietoscana@gmail.com
.
iniziativa promossa da Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza, Istituto per la Valorizzazione della Abbazie Storiche della Toscana, Rotary Club Chianciano Chiusi Montepulciano.

Convegno internazionale “Bellarmino e i Gesuiti a Montepulciano”

Giovedì 16 e venerdì 17 settembre, a Montepulciano, si svolgerà il convegno internazionale dal titolo “Bellarmino e i Gesuiti a Montepulciano”. L’Istituto per la Valorizzazione delle Abbazie Storiche della Toscana dedica alla figura di Roberto Bellarmino una due giorni di cultura, studio e divulgazione storica. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio della Regione Toscana, della Compagnia di Gesù e della Conferenza Episcopale Toscana e si terrà in varie location della città poliziana. Grazie ai contributi e agli interventi di esperti sull’argomento l’associazione celebra la figura del cardinale, Santo e Dottore della Chiesa nato a Montepulciano in occasione del quarto centenario della sua morte. Alla realizzazione dell’evento collaborano il Comune di Montepulciano, la Diocesi di Montepulciano-Chiusi-Pienza e le Parrocchie di Montepulciano.
Giovedì 16 settembre alle ore 12, presso la Sala Bellarmino, sarà inaugurata inoltre una mostra di libri antichi, scritti da gesuiti per altri gesuiti. Infine alle ore 21, al Tempio di San Biagio, l’Orchestra Poliziana e la Corale Poliziana si esibiranno nel concerto “Il Barocco tra festa e canto sacro”, con la direzione del M° Beatrice Venezi.
La nostra associazione ha sentito molto questa ricorrenza ed è da due anni che la sta preparando” – dichiara Paolo Tiezzi Maestri, presidente dell’Istituto per la Valorizzazione delle Abbazie Storiche della Toscana. “Non a caso gli atti del convegno saranno pubblicati dalla casa editrice Olschki di Firenze nella nostra collana e, in concomitanza con l’inaugurazione della mostra di libri, giovedì 16 uscirà un altro Quaderno che fungerà da catalogo ragionato degli oltre 100 libri antichi esposti al pubblico. Tra questi, le prime edizioni della vita di Sant’Ignazio di Loyola, di San Roberto Bellarmino e di San Luigi Gonzaga. Siamo molto orgogliosi sia della perdurante e fruttuosa collaborazione col Comune e la Diocesi di Montepulciano che dei patrocini avuti dalla Regione Toscana, dalla Compagna di Gesù e dalla Conferenza Episcopale Toscana.

Lettera del Vescovo Stefano ai sacerdoti per il 400° anniversario della morte di San Roberto Bellarmino (1621-2021)

Il giorno 4 agosto di questo anno, il nostro Vescovo Stefano ha scritto una “Lettera ai sacerdoti per il 400° anniversario della morte di San Roberto Bellarmino (1621-2021)“, che da oggi è possibile scaricare dal sito nella sezione Documenti del Vescovo.

Clicca qui per raggiungere la sezione direttamente:
http://www.montepulcianochiusipienza.it/wp-content/uploads/sites/2/2021/08/lettera-vescovo-04.08.2021-bellarmino-1-1.pdf

o scarica l’allegato:
Lettera del Vescovo Stefano ai sacerdoti per il 400° anniversario della morte di San Roberto Bellarmino (1621-2021)

Scrive il Vescovo all’inizio della Lettera:

 Mentre vi invito alla celebrazione in cattedrale, venerdì 17 settembre alle ore 18.00, desidero mettere a vostra disposizione alcuni elementi della testimonianza di vita del santo Cardinale che mi sono sembrati utili a nutrire la nostra spiritualità sacerdotale. Una conoscenza più profonda di questa straordinaria persona non può che generare una devozione adeguata alla statura di questo grande pastore e dottore della Chiesa, che la nostra diocesi ha la gioia e la grazia di annoverare tra i suoi figli.

 

Aperte le iscrizioni al gruppo scout AGESCI Montepulciano 1 per l’anno 2020/2021.

Le attività, che prenderanno il via il prossimo 25 ottobre, sono rivolte ai bambini dagli 8 anni di età fino ai ragazzi di 20 e si svolgeranno nel
pieno rispetto delle norme anti-Covid attualmente vigenti.
Il metodo educativo dell’ associazione ha lo scopo di accompagnare i ragazzi nella loro crescita attraverso il contatto con la natura e il confronto con i loro coetanei per aiutarli a sviluppare la propria autonomia e a diventare cittadini attivi e consapevoli delle proprie scelte, vivendo nella loro quotidianità il messaggio del Vangelo.
Si inizia in Branco (8-11 anni), dove i Lupetti vivono le prime esperienze scout basate sul gioco, sul contatto con la natura e con la spiritualità; il percorso prosegue poi nel Reparto dove gli Esploratori e le Guide (12-16 anni) vivono l’avventura con camminate nei boschi, pernottamenti in tenda e un sentiero personale che li guida all’autonomia e all’acquisizione di competenze utili nella vita di tutti i giorni e nella propria formazione. Infine nella Comunità R/S i Rover e le Scolte (16-20 anni) vivono momenti di strada, servizio al prossimo e impegno sociale e politico mirato alla formazione globale della
persona.
Per partecipare all’uscita d’apertura del gruppo scout Agesci Montepulciano 1 è necessario contattare i referenti entro giovedì 22 ottobre ai seguenti numeri:
– Bambini 8 -12 anni: 3469555788 (Angela) – Ragazzi 12 -16 anni: 3337139666 (Ilaria) – Ragazzi 16 – 20 anni: 3402490547 (Cecilia)
o scrivere un’email a montepulciano1@toscana.agesci.it

 

 

 

 

 

 

Elevazione musicale in onore della Beata Vergine Maria

Il Capitolo del Duomo di Montepulciano, domenica 15 agosto, grazie a Michela Caldesi, Giuliana Lucani e Laura Ridoni, è lieta di offrire una “Elevazione musicale alla Vergine Maria”, eseguita all’Organo, costruito da Filippo Tronci nel 1838, al termine del Pontificale dell’Assunta delle ore 18.00, presieduto dal nostro Vescovo Stefano alla presenza dei Canonici della Cattedrale.
Il programma di sala è il seguente:

ELEVAZIONE MUSICALE DEDICATA ALL’ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Padre Davide da Bergamo
Versetto festivo in sol maggiore;
Versetto solenne in si bemolle maggiore con armonie di trombe

Giovanni Battista Pergolesi
Dallo Stabat Mater : Quae moerebat ; Eia Mater.

Vincenzo Bellini
Salve Regina

Vincenzo Bellini
Sonata per organo in sol maggiore

Franz Schubert
Ave Maria

Giacomo Puccini
Salve Regina

Giuseppe Gherardeschi
Sonata per organo a guisa di banda militare che suona una Marcia


Soprano: Giuliana Lucani

Mezzosoprano: Laura Ridoni

Organo : Michela Caldesi


Organo costruito da Filippo Tronci 1837/1838

Nell’800, l’organo italiano ha subito, più che in qualsiasi altro periodo, radicali trasformazioni. Nella prima metà del secolo era tale il consenso generale per il melodramma che anche la musica organistica ne fu profondamente influenzata. Negli organi di quel periodo si moltiplicarono i registri orchestrali e nelle chiese abbondavano le esecuzioni di sinfonie, arie, sonate, versetti e pastorali, di evidente ispirazione operistica, che mandavano letteralmente in visibilio l’uditorio. Sappiamo ad esempio che durante le esecuzioni di Padre Davide da Bergamo, al secolo Felice Moretti (1791-1842), uno fra i più autorevoli organisti-compositori del periodo, l’entusiasmo della folla era tale che per contenerlo necessitava l’intervento di guardie armate. Nella seconda metà del secolo, però, le cose si capovolsero e si avvertì l’esigenza di una riforma  di cui si fece portavoce il Movimento Ceciliano, largamente appoggiato dalla  Chiesa.

Solo con il Motu proprio, emanato nel 1903 da Pio X, si riuscì ad arginare tale consuetudine e a promuovere il ritorno ad una musica che meglio potesse adattarsi alle esigenze della liturgia: «… si dovrà attendere con maggior cura che le composizioni musicali di stile moderno che si ammettono in chiesa nulla contengano di profano, non abbiano reminiscenze di motivi adoperati in teatro e non siano foggiate neppure nelle loro forme esterne sull’andamento dei pezzi profani». Tutto ciò determinò l’oblio di gran parte della produzione organistica italiana dell’Ottocento, con la conseguente rivalutazione di generi e forme musicali più adatti alla liturgia, quali il canto gregoriano, la polifonia rinascimentale e la produzione musicale sacra del XVII e XVIII secolo. Solo negli ultimi decenni si è iniziato a riscoprire la letteratura organistica ottocentesca, non solo attraverso l’esecuzione dei pochi brani già noti, ma soprattutto con la pubblicazione di musiche manoscritte, rimaste celate per più di un secolo nella buia memoria degli archivi. Il programma proposto è solo un piccolo esempio di questo enorme patrimonio musicale. Ad autori assai noti quali Vincenzo Bellini, uno dei massimi esponenti del melodramma italiano, si affiancano altri meno conosciuti quali padre Davide da Bergamo e il pistoiese Giuseppe Gherardeschi.

a cura del CDV

Ti adoro…i primi giovedì del mese per le vocazioni

SETTEMBRE

Dal mese di luglio invitiamo tutti e, soprattutto i giovani, a pregare per le vocazioni il primo giovedì di ogni mese. Le modalità sono diverse… In alcune parrocchie o santuari ogni giovedì viene fatta l’adorazione per le vocazioni, puoi partecipare a quella, altrimenti prenditi del tempo per stare in adorazione davanti al tabernacolo nella chiesa più vicina o che ti è più comoda, oppure se non riesci, crea nella tua casa un luogo sacro, mettendo un’icona o un’immagine di Gesù, una candela, la bibbia o il vangelo, uno spazio in cui stare a tu per tu con Dio e pregare perché i giovani possano ricevere luce e con coraggio osare il sì al dono della loro vita. Puoi scaricare la scheda di preghiera per questo mese di settembre:

FATE QUELLO CHE VI DIRA’ (Gv 2,5)